bannerwhitegsi

La varietà di marijuana White Widow (Vedova Bianca), fu creata nel 1994 dal breeder genetista australiano Shantibaba (Mr. Nice Seeds) che lavorava allora per la compagnia Greeenhouse Seeds. Non appena messa in commercio fu un successo e infatti guadagnò l'anno seguente il primo premio nella High Times Cannabis Cup (1995).

Genetica della White Widow

La White Widow è un incrocio ibrido tra una femmina di Landrace (varietà pura sativa del Brasile) e un padre Landrace (sativa/indica del Kerala nel sud dell'India).
Shantibaba viaggiò verso l'India per conoscere i coltivatori di questa landrace e questo gli permise di osservarla nel suo ambiente naturale e realizzare la selezione dei migliori esemplari secondo i criteri desiderati. La grande quantità di resina presente sopra le cime di White Widow è una delle caratteristiche che la hanno resa così famosa.

white1gsi

Tutta questa resina procura una potenza molto superiore alla media, potendo raggiungere una percentuale di TCH superiore al 20%. Grazie alla sua forte influenza sativa, la White Widow produce un effetto cerebrale intenso. Il sapore tipico di questa varietà di cannabis è dolce e floreale, con tocchi fruttati e speziati. Anche la produzione della White Widow è superiore alla media con le sue grandi cime dense e ricoperte di tricomi.

Dopo tanto successo, molti breeders hanno iniziato a commercializzare le proprie versioni o selezioni di White Widow. Al giorno d'oggi troviamo White Widow nelle seguenti banche semi:


Semi disponibili su G.S.I. Grow Shop Italia
Altre banche semi
  • Greenhouse Seeds
  • Female Seeds
  • Pyramid Seeds
  • Royal Queen Seeds
  • Medical Seeds
  • Positronics Seeds
  • Genehtik (Zuri Widow)
  • Dr Grow’s Productions (White Moma)

Dinnanzi a questa valanga di White Widow nel mercato, Shantibaba decise di cambiarle il nome in Black Widow, adesso venduta da Mr. Nice Seeds.

white2gsi

I genotipi della White, l'avventura di ShantiBaba

Di seguito leggete ciò che dice Shantibaba a proposito dei genotipi utilizzati per creare la White Widow.

Le qualità speciali dell'ibrido del sud dell'India erano sufficienti a tal punto da farmi pianificare un safari con la mia moto Enfield alla ricerca per le montagne del Kerala. Dopo alcuni giorni che avevo iniziato il mio viaggio, stavo seduto in un bar prendendo una tazza di te e fumando, quando un uomo anziano con lo sguardo demoralizzato mi si avvicinò e mi aiutò a finire il mio joint. Dopo aver fumato abbastanza e aver terminato la mia tazza di te, andai con l'anziano alla sua tenuta e scoprii che era proprio lui il coltivatore della varietà che mi aveva portato fino a queste montagne.

Passai vari giorni provando campioni di marijuana di tutte questa piante che erano state coltivate, selezionate e incrociate tra loro per anni, basandosi su un unico criterio di selezione: la produzione di resina. Questa selezione finì con l'essere uno dei progenitori della legendaria Black Widow. Il coltivatore di questa varietà, conosciuta come l'ibrido del sud dell'India, mi raccontò in seguito che questi semi si coltivavano da sempre nella sua regione ma che esistevano distinte varietà a seconda della zona. Si dice che queste piante avevano un periodo di fioritura nettamente corto e una estetica sativa molto apparente.


Nel 1987/88 passai un anno viaggiando con la mia compagna per il Perù, l'Ecuador e la Colombia. Fù a Tyrone, una zona montuosa della Colombia vicino a Santa Marta, giusto al nord della frontiera con il Venezuela. Passammo un periodo vivendo una lunga serie di esperienze etnobotaniche con il cactus San Pedro. Conobbi un brasiliano di una cinquantina d'anni stabilitosi in questa regione, che finì col diventare un buon amico e ci accorgemmo che avevamo molte cose in comune. Era originario dell'Amazzonia in Brasile e aveva una varietà IBL (In Bred Line, che significa che da varie generazioni non è stata incrociata con altre varietà esterne) che stava nella sua famiglia da tre generazioni ed era stata coltivata in questa regione per molti anni... fino a che la cominciai a coltivare anche io. Questo è il punto in comune con la IBL del Kerala.
Queste due varietà non erano esattamente pure giacche erano state mescolate per anni dalle persone che se ne occupavano, ma erano da sempre state coltivate dalla stessa gente nello stesso luogo e quindi erano diventate varietà uniche. Per questo motivo è normale che alcune persone trovino fenotipi Sativa in un pacco di 18 semi. In realtà, la femmina che selezionai per l'unione di queste due piante mi portò a realizzare più di 200 prove. Non tante come la Super Silver haze che richiese più di 1000 prove a partire da vari semi e anni di lavoro.


La cosa più importante per ridurre il periodo di fioritura della White Widow a 10 settimane è trovare la pianta di fenotipo Indica, estrarre una talea di questa stessa pianta madre e metterla a fiorire; questo procedimento porterà a un periodo di fioritura da 9 a 11 settimane. La pianta sviluppa tutto il suo potenziale durante le 3 ultime settimane di fioritura così che se raccoglierete troppo presto, non potrete godere di tutte le sue virtù. Sono molte le persone che hanno trovato una Widow che li abbia impressionati, però non tutti i semi sono uguali. È difficile ottenere tutti i parametri ideali di coltivazione per una White Widow poichè a seconda della pianta selezionata, essa può necessitare più o meno cure. Questa è una specie che ha aiutato molti coltivatori, sebbene non sia facile trovare una pianta certamente eccezionale, come può succedere per varietà come la Shit o Shark Shokck. Il mio amico brasiliano aveva battezzato la sua landrace con un nome molto descrittivo... The One.

Spero che queste informazioni possano soddisfare la vostra curiosità, ma dovete ricordare che la Widow viene da queste due IBL ed è stata creata dopo due anni di lavoro per trovare un ceppo che avesse tutte le qualità che desideravo. Al momento, questa è la storia della White Widow.

white3gsi

In tutti i casi, esiste qualcuno che si proclami padre di questa varietà, che abbia dato così tante informazioni e dettagli di queste piante selezionate per la sua creazione come ho fatto io? Tutto quello che ho potuto leggere fino ad ora è la descrizione che scrissi io stesso nel 1995. In alcune occasioni con testi rielaborati, però si nota che la gente che le ha scritte non è mai uscita allo scoperto e che non ha contrastato ne comprovato le fonti per sapere da dove venga realmente questa pianta. Mi piacerebbe che qualcuno mi dimostrasse il contrario". Vari ibridi che compongono la famiglia White furono presentati a partire dalla White Widow: Shark Shock o Great White Shark: Skunk #1 x Black Widow. la Niña o el Niño: Haze x Black Widow. Medicine Man o White Rhino: Afganí x Black Widow.
Queste tre varietà utilizzano un ceppo molto speciale Black Widow selezionato da Shantibaba.Alla fine degli anni 90, la White Widow portò molta freschezza al mondo cannabico e ai breeder olandesi, paragonata agli ibridi Skunk/NL/Haze già esistenti. A partire da quel momento nacquero molti nuovi incroci di marijuana.

Varietà di White Widow che possiamo trovare oggi

Riassumendo, la White/Black Widow e i suoi numerosi ibridi rappresentano una selezione molto buona tanto per il coltivatore principiante come per il più esperto. Si tratta di piante di marijuana che si coltivano con facilità, hanno una buona produzione e una potenza che vi sorprenderà. La White Widow è una leggenda ma la realtà è che sono le sue splendide qualità che la convertono in un valore sicuro!

A cura di G.S.I. Grow Shop Italia.
Ringraziamo tutto lo staff AlchimiaWeb grow shop per la squisita disponibilità e l’aiuto con i testi