bannerpropagazionegsi

Perchè fare le talee? Questa pratica ti garantisce oltre a una riduzione del tempo una sicura e sana omogeneità delle piante visto che sono a tutti gli effetti cloni di una madre in salute e vigorosa scelta da te, quindi in fine un aumento del tuo raccolto.
Per una buona riuscita di questa pratica bastano alcune accortezze da seguire: Selezionate la pianta madre (la più sana e vigorosa) fate un taglio netto in diagonale della talea con attaccate quattro cinque foglie, possibilmente con delle forbici e una lametta sterili, pulire lo strumento con un fazzoletto imbevuto di alcol etilico ad ogni taglio e assicurarsi che siano ben affilati per avere un taglio netto onde evitare di danneggiare il fustello.

propagazione1gsi

Versare il Clonex (gel che favorisce la nascita e lo sviluppo delle radici) in un recipiente quanto basta. Mai immergere i cloni nel suo recipiente originale.
Ricordarsi che quanto utilizzato di questo gel se avanzato non può essere rimesso nella sua confezione.
Immergere immediatamente la talea appena tagliata nel clonex all'incirca 12-17mm, dopodichè inserirla subito nel cubetto di lana di roccia ad una profondità che sia sufficiente per il suo sostegno. A questo punto il cubo va bagnato con abbondante acqua tiepida e riposto in un propagatore o miniserra, che garantisce la radicazione della talea, non lasciare acqua in eccesso nel vassoio.

propagazione2gsi

Ricordarsi di mantenere sempre un livello alto di umidità per favorire lo sviluppo delle radici. Un consiglio molto utile è quello di mantenere la temperatura della base della miniserra o propagatore tra i 20°-24° usando resistenze riscaldanti se il propagatore o miniserra non ne sono muniti. Non appena il giovane clone ha sviluppato un buon apparato radicale si può mettere a dimora nel substrato o sistema che si usa per la coltivazione.Selezionare solamente le talee più sane. Le piante deboli o con scarsa radicazione è difficile che diventino una piantina di qualità.