Come molte varietà vegetali anche la Cannabis può essere potata al fine di massimizzare la produzione o ottimizzare lo spazio di coltivazione. Alcune delle Tecniche di Coltivazione più diffuse per aumentare la resa della Cannabis è il metodo Topping (cimatura) o il Fimming (F.I.M.), sostanzialmente sono metodi molto simili che consistono nel taglio del meristema apicale della pianta, ovvero la parte terminale della pianta, in modo da stimolare la moltiplicazione della cima centrale ed uno sviluppo vegetale cespuglioso, contenendone la crescita verticale.

 

Questi due metodi di potatura appartengono alla classe H.S.T. (High Stress Training), tecniche molto usate dai growers sia in ambienti indoor che outdoor ma implicano uno stress maggiore alla pianta che può prolungare la crescita vegetativa fino ad una settimana in più del normale, anche due settimane. Uno stress che però giova alla pianta con un implemento della crescita vegetale e massimizzare la fioritura della Cannabis.

Cos'è la cimatura della Cannabis? Come eseguire il metodo Topping

La cimatura della Cannabis con la Tecnica Topping consiste nell'asportare la parte apicale del fusto centrale, così facendo si stimola la pianta a creare ramificazioni più robuste cambiando la forma della pianta da piramidale (classica forma con un ramo centrale pronunciato su ramificazioni più o meno sviluppate) ad una forma più cespugliosa detta a candelabro. Cimare la pianta di Cannabis con il metodo Topping stimola lo spostamento delle auxine, ormoni della crescita della pianta, verso le ramificazioni laterali, inoltre la cima centrale si biforca.

aumentare la produzione di cime con il topping cannabis

Questo metodo non solo crea due enormi cime, anzichè una sola, ma aumenta la massa vegetale ed uno sviluppo orizzontale della pianta cambiandone la forma. Così facendo si aumenta la produzione di infiorescenze e in ambienti interni come le Grow Room, si possono coltivare meno piante. Il Topping può essere usata anche outdoor, anche per camuffarne la classica forma a piramide. Nelle Coltivazioni indoor questo metodo viene usato anche in simbiosi con un altra Tecnica di Coltivazione, come fase preparatoria della Tecnica SCRoG.

Come eseguire il Topping sulla Cannabis?

  • La maggior parte delle tecniche di potatura della Cannabis vengono effettuate in fase vegetativa, anche il Topping è un tipo di cimatura che deve essere eseguita assolutamente in fase vegetativa.
  • Attendiamo che la nostra pianta di Cannabis raggiunga con la crescita il 3° o massimo 5° internodo. A questo punto, che dovrebbe corrispondere a circa la terza settimana di vegetativa, la pianta ha sviluppato una buona struttura vegetale e un ottimo apparato radicale che sono elementi fondamentali per superare senza problemi il trauma della cimatura.
  • A questo punto eseguiamo il taglio del meristema apicale, in pratica asporteremo l'ultimo internodo senza tagliare i germogli dei rami eventualmente già presenti alla base dell'internodo.
  • Molte scuole di pensiero si fronteggiano su come effettuare il taglio: se a mano con la sola pressione delle unghie o con delle apposite forbici per la potatura. Un argomento che non influisce sulla corretta esecuzione del Topping, è solo una questione soggettiva, l'importante che se utiliziamo delle forbici ricordiamoci di sterilizzarle.
  • Il Topping è stato effettuato, ora la pianta attraverserà una fase di "standby" di alcuni giorni. Dopo circa una settimana possiamo vedere i primi risultati dove, le ramificazioni laterali si sono sviluppate maggiormente e la cima si è biforcata.

Se abbiamo una Grow Room ampia, o vogliamo massimizzare ulteriormente la nostra produzione su pochi esemplari, senza aver problemi a ritardare la fioritura, la Tecnica Topping può essere eseguita anche sulle parti terminali delle altre ramificazioni; magari outdoor dove abbiamo più spazio e la fonte di luce, il sole, gira attorno la pianta dando una migliore illuminazione di ogni ramo.

Cos'è il Metodo Fimming nella Coltura della Cannabis? Come eseguirlo correttamente

Molto simile al Topping anche questo metodo consiste sostanzialmente nell'asportazione della parte apicale del fusto, quello che differenzia il Metodo Fimming nella coltura della Cannabis dalla cimatura è la quantità di porzione dell'apice asportato.
Il termine Fimming deriva da F.I.M. acronimo di "Fuck I Missed", ovvero "C*zzo ho sbagliato a tagliare". Si narra che questa tecnica deriva dall'errore di un grower intendo in una classica cimatura che, per errore, ha asportato solo parte del meristema apicale tranciando una porzione dei germogli dell'internodo.

fimming cannabis come aumentare le cime

Dall'errore di un grower è nata una nuova tecnica di cimatura. Asportando solo il 75% del meristema apicale invece di avere una semplice biforcazione, l'apice si suddivide in quattro cime. Favorendo sempre, come nel Topping, lo sviluppo dei restanti rami laterali ed un arresto della crescita verticale.

Quali varietà di Cannabis posso cimare? Topping e Fimming limitazioni.

Con il Topping e il Fimming si posso cimare le principali varietà di Cannabis Indica e Sativa, anche se si prediligono leggermente varietà che ramificano di più come le Indiche, dove possiamo vedere risultati maggiori.
Si escludono assolutamente dai metodi di potatura le varietà Autofiorenti, per esse possiamo adottare altre tecniche di incremento della resa come L.S.T. (Low Stress Training) ovvero le legature.